Nasce la Microarea Barriera

IL PROGETTO MICROAREA nasce nel 2005 promosso dall’Azienda per i servizi sanitari n. 1 “Triestina” coinvolgendo altri partner nel progetto e prefissando i seguenti obiettivi:

1. realizzare il massimo di conoscenza sui problemi di salute delle persone residenti nelle microaree

2. ottimizzare gli interventi per la permanenza nel proprio domicilio ove ottenere tutta l’assistenza necessaria (e contrastare l’istituzionalizzazione)

3. elevare l’appropriatezza nell’uso di farmaci

4. elevare l’appropriatezza per prestazioni terapeutiche (curative e riabilitative)

6. promuovere iniziative di auto-aiuto ed etero aiuto da parte di non professionali (costruire comunità)

7. promuovere la collaborazione di enti, associazioni ed organismi profit e no profit per elevare il benessere della popolazione di riferimento (mappatura e sviluppo)

8. realizzare un ottimale coordinamento fra servizi diversi che agiscono sullo stesso individuo singolo o sulla famiglia

9. promuovere equità nell’accesso alle prestazioni (più qualità per cittadini più vulnerabili)

10. elevare il livello di qualità della vita quotidiana di persone a più alta fragilità (per una vita attiva ed indipendente).

 
Dalla comune condivisione di tali principi e dalla volontà di dare reale applicazione della L.R. n. 6/2006 in tema di realizzazione di una rete integrata di servizi, alcuni enti pubblici e privati hanno deciso di dar vita al gruppo “verso la Medioarea Barriera” e di convenzionarsi con l’A.S.S. n. 1 per la gestione della “MICROAREA BARRIERA”.
Tale microarea prende l’avvio il 16 settembre 2008 con sede presso l’Azienda pubblica per i servizi alla persona ITIS in via pascoli 31 a Trieste, sfruttando l’esperienza e la peculiarità di diversi attori (enti e associazioni) che a diverso titolo operano sul territorio cittadino e in particolare in Barriera; gli enti che si sono costituiti nel gruppo sono il Distretto 4 dell’Azienda Sanitaria Triestina, l’Azienda pubblica di servizi alla persona ITIS, il Movimento Donne Trieste, L’Associazione di volontariato Apertura del Tempo, il Distretto Centro del Sindacato Pensionati della CGIL e l’associazione Goffredo de Banfield.
Gli obiettivi della nuova Microarea sono lo sviluppo e l’implementazione del welfare di comunità promuovendo iniziative di aggregazione e forme di auto aiuto per la creazione di una nuova socialità urbana.
Inoltre è volontà primaria la creazione di una rete integrata di interventi sociosanitari in un’area in cui vivono 1500 persone di diverse età, cultura e nazionalità, offrendo una serie di servizi appropriati ai bisogni che verranno evidenziati, sfruttando le competenze dei singoli componenti del gruppo.
L’obiettivo primario dell’iniziativa non è quello di creare dei doppioni di organizzazioni che operano sul territorio, ma di strutturare con un’unica regia tutte le iniziative promosse dai diversi attori per migliorare la qualità della vita del cittadino; per questo motivo si sono incontrati nelle ultime settimane diversi soggetti tra i quali le istituzioni scolastiche interessate, le associazioni sportive e culturali nonché le parrocchie presenti sul territorio.
 
Orario dell’attività della Microarea Barriera
lunedì e giovedì dalle ore 16.00 alle ore 18.00
martedì, mercoledì e venerdì dalle 10.00 alle 12.00
 
L’attività parte con la conoscenza diretta di tutti gli abitanti, mirando a mettere in campo servizi sempre più rispondenti alle necessità dei cittadini, anche attraverso la promozione di relazioni di vicinato e di comunità e perciò sarà attivo da subito un punto di incontro con ingresso da via Conti 1/2.      
La referente della MICROAREA BARRIERA è la signora Silvana Simonovich e risponde al numero 3403643445.