Le collezioni d'arte

Descrizioni a cura di Daniele D’Anza e Matteo Gardonio

Riposo durante la fuga in Egitto

1.jpg

Pittore attivo tra il secondo e il terzo quarto del XVI secolo

Riposo durante la fuga in Egitto
Olio su tavola, cm 60 x 86,5

L'artefice dell'opera in esame, nel tentativo di declinare la fredda visione spaziale nordica in una più dolce sfumatura mediterranea, sembra dichiarare la conoscenza di entrambe le culture figurative. Il linguaggio pittorico adottato rivela una sintesi tra l'elemento spaziale di gusto nordico e una più sfumata definizione plastica delle figure di chiara matrice veneziana. Un fiammingo addolcito al sole del mediterraneo, che vede Giorgione e il primo Tiziano. Il dipinto è entrato a far parte della collezione con il lascito Baldo Calojanni, nel cui inventario risulta l'opera maggiormente stimata.

Apollo e Diana

2.jpg

Giuseppe Diamantini (Fossombrone 1621 – 1705)

Apollo e Diana [?]
Olio su tela, cm 118 x 105,5

Sulla cornice la targa reca l'indicazione “Pietro Liberi detto Libertino”.

Negli antichi inventari dell'Istituto il soggetto viene identificato in Orfeoed Euridice, l'inversione però dei ruoli, lei che si volta a guardare lui, tenderebbe ad escludere questa indicazione, pur nell'aderenza degli attributi. In riferimento al tema trattato l'ipotesi più probante vede nelgiovane uomo il dio Apollo, in virtù degli attributi che lo accompagnano: la corona d'alloro sul capo e la lira da braccio nella mano sinistra. Egli, infatti, fu anche dio della poesia e della musica.

 Il dipinto si inserisce in quella produzione di mezze figure diffusa a Venezia, e non solo, soprattutto nella seconda metà del Seicento. Persistenze di gusto accademico-bolognese, evidenti nel volto della giovane, paiono filtrate attraverso una sensibilità veneziana, palmare nella definizione chiaroscurale degli incarnati. A tal proposito indicativo appare il tradizionale riferimento al cavaliere Pietro Liberi, maestro in scene erotico mitologiche, a cui sovente è stato affiancato il nome di Giuseppe Diamantini, autore di questo dipinto.