L'ASP ITIS promuove un workshop sul metodo Validation

L’8 giugno sarà a Trieste per un workshop sul metodo Validation la dott.ssa Naomi Feil, gerontologa americana di fama mondiale, ideatrice di un nuovo approccio tendente a migliorare il rapporto e la comunicazione con gli anziani disorientati, colpiti dal morbo di Alzheimer.

L’appuntamento triestino, aperto a tutti, è inserito in un tour europeo di 14 tappe ed è promosso dall’ASP Itis di Trieste in collaborazione con l’OVA Castellini di Milano.

Naomi Feil è cresciuta nella Casa per Anziani Montefiore a Cleveland (USA). Dopo aver conseguito la laurea di Assistente Sociale alla Columbia University, ha vissuto e lavorato in America come operatrice di gruppo e ha iniziato il metodo Validation per rispondere alla sua insoddisfazione derivante dai metodi di lavoro tradizionali con le persone molto anziane gravemente disorientate. Ha sviluppato Validation tra il 1963 e il 1980 come operatore di gruppo nella Casa Montefiore e come Membro dell’Accademia per le Scienze Sociali Applicate, alla Case Western Reserve University. Naomi Feil ora pratica Validation con i residenti delle strutture per anziani e dei centri diurni di tutto il mondo e conduce workshop sul metodo in Europa, Australia, Nord America. E’ Direttore esecutivo del Validation Training Institute ed è autrice di libri e di numerose pubblicazioni (www.vfvalidation.org)
 
Validation è un metodo per comunicare con le persone disorientate, con diagnosi di Alzheimer e disturbi correlati, che si trovano nelle ultime fasi della loro vita; può essere usato sia a livello individuale che in gruppo. Attraverso un ascolto attento, il contatto visivo e il tocco, seguendo i ritmi del corpo, gli operatori ma anche i familiari addestrati possono sintonizzarsi con il  mondo dell’anziano disorientato e capire i temi di vita sottostanti che ne vengono espressi, costruendo con loro un senso di mutuo rispetto e fiducia.
 
La valenza di tale approccio che molto insiste sulla lettura delle fasi del processo di invecchiamento, sul riconoscimento dei bisogni dell’essere umano e su come poter far fronte anche al proprio “diventare” anziani, ha fatto si che sia diventato, in questi anni, di grande utilità non solo per gli operatori delle residenze ma anche per i familiari stessi che, a loro volta, stanno invecchiando e devono relazionarsi con un caro anziano e disorientato.
 
Gli obiettivi del workshop triestino saranno centrati sulle caratteristiche fisiche, sociali ed emozionali che portano al cambiamento dell’età avanzata, sul riconoscimento delle differenti fasi del disorientamento, sui principi fondamentali del metodo Validation, sulle tecniche specifiche per aiutare gli anziani disorientati e sulle strategie per invecchiare con successo e prevenire il burn-out.
 
L’evento è organizzato dall’ASP ITIS di Trieste in quanto questa azienda da anni adotta tra gli altri anche questo metodo per affrontare le difficoltà di gestione delle persone colpite dal morbo di Alzheimer e rientra nelle strategie di ricerca innovativa, sostegno ai care giver e aiuto nel sostenere, promuovere e organizzare servizi rispondenti ai bisogni più emergenti.
 
Per informazioni: A.S.P. ITIS. via Pascoli 31 Trieste, Validation@itis.it, tel.  3346779155.
Per iscrizioni contattare la segreteria organizzativa Key congressi tel. 040 660352.
programma_workshop.pdf

pdf, 681K, 04/05/11, 109 download

scheda_iscrizione.pdf

pdf, 285.1K, 04/05/11, 104 download