Pagina 12 di 14, Vai a pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

«Precedente - Successivo»

CAFFE’ ALZHEIMER: nuovi appuntamenti »

1 Giugno 2011

Riprendono gli incontri periodici a tema su: invecchiamento, disorientamento e Alzheimer per famigliari, operatori e volontari.

L'appuntamento mensile è al Caffè’ San Marco; gli incontri si svolgeranno con il seguente calendario:

mercoledì 12 dicembre ore 17.30
Cambiamenti nel ruolo socio-famigliare della persona disorientata
 
mercoledì 30 gennaio ore 17.30
L'uso delle parole più giuste per comunicare con una persona disorientata
 
mercoledì 27 febbraio ore 17.30
Anche i famigliari hanno bisogno di aiuto
 
mercoledì 26 marzo ore 17.30
Quando i bisogni della persona disorientata non coincidono con quelli dei famigliari
 
mercoledì 30 aprile ore 17.30
L'alimentazione dell’anziano disorientato
 
mercoledì 28 maggio ore 17.30
Il distacco

Il Caffè Alzheimer e’ un luogo d’incontro dove i famigliari, gli operatori ed i volontari, sotto la guida di un esperto, possono apprendere conoscenze, scambiarsi le esperienze ed avere informazioni sulle varie modalità del prendersi cura in un ambiente disteso; tra le persone coinvolte nello stesso problema si apre una strada per uscire dal tabù che spesso circonda questo processo inevitabile che è l’invecchiamento patologico.

Gli incontri durano all’incirca un’ora e sono aperti a tutti; il clima è il più possibile disteso e gli argomenti vengono trattati con modalità discorsive.
Prendersi cura di un anziano disorientato è una situazione drammatica che coinvolge tutte le persone che gli stanno attorno, sia i famigliari sia gli operatori. Non solo i sintomi, ma anche le conseguenze emotive e relazionali dell’invecchiamento devono essere prese in considerazione per poter operare nel migliore dei modi con l’obiettivo di elevare la qualità della vita del nostro caro.
I temi verteranno sulle dinamiche interpersonali e sulle difficoltà che le problematiche del deterioramento comportano da un punto di vista psicologico e biofisico e verranno affrontate modalità e consigli pratici per gestire al meglio le difficoltà della vita quotidiana con l’anziano disorientato.

Visite guidate alla Pinacoteca dell'ITIS »

1 Giugno 2011

S'informa che a partire dal 21 novembre 2007 si terranno ogni mercoledì alle 10.30 delle visite guidate alla Pinacoteca allestita presso l'A.S.P. ITIS in collaborazione con l'Accademia UNA di Trieste. La visita sarà preceduta da una breve illustrazione video nella sala feste al piano terra della sede di via Pascoli 31.

Le visite guidate sono aperte alla partecipazione non solo dell'utenza e dei lavoratori dell'ITIS ma dell'intera cittadinanza triestina. Per prenotare la visita si prega di contattare il Servizio Sociale - sig. Francesco Mosetti - tel. 348 8761261 - sociale@itis.it

Incontri settimanali sul dialetto triestino »

1 Giugno 2011

A partire da martedì 6 novembre si svolgeranno presso l'A.S.P. ITIS degli incontri sul dialetto e la cultura triestina dal titolo "Simpaticamente insieme, incontro con le nostre parole", organizzati grazie alla disponibilità del sig. Bruno Misculini.

Gli incontri si terranno nella sala biblioteca al piano terra della struttura di via Pascoli 31 ed avranno il seguente orario: 10.15 - 11.15.

FORMAZIONE A 350 OPERATORI DELL'A.S.P. ITIS »

L’INNOVAZIONE DEI SISTEMI SOCIALI: FORMAZIONE ALLE PERSONE CHE LAVORANO ALL’ASP ITIS

1 Giugno 2011
È iniziato in questi giorni un processo di qualificazione dei modelli assistenziali e di contestuale crescita professionale di tutti i lavoratori dell’ASP ITIS, siano questi dipendenti dell’azienda o dipendenti delle cooperative e ditte che a diverso titolo operano all’ITIS.
Il primo passaggio di questo percorso condotto dai docenti della Fondazione Zancan di Padova con il supporto di un gruppo tecnico dell’ ITIS è iniziato con la formazione di base di 350 persone e proseguirà con la formazione più specifica che interesserà ulteriori 90 persone.
La formazione avviata porterà, nel corso di 12 mesi, a sperimentare un modello innovativo a carattere scientifico volto ad implementare la personalizzazione dell’intervento socio-sanitario verso l’anziano modificando ulteriormente il sistema applicato accentuando la personalizzazione dei servizi all’utenza e, fattore che rende di assoluto valore il progetto,verificando l’efficacia dei progetti individuali, in modo da renderli sempre più appropriati ai reali bisogni dell’utenza. La personalizzazione nel “prendersi cura” di un anziano si muoverà attraverso risposte di natura domiciliare, intermedia e residenziale, nonché attraverso un efficace funzionamento dell’èquipe multiprofessionale in termini di valutazioni multidimensionali e di presa in carico per progetti individualizzati.
Da tale processo potranno derivare concrete possibilità di ottimizzazione del servizio in termini di accessibilità ed appropriatezza.
Il progetto intende innanzitutto, dopo aver analizzato la domanda e definito il problema, proporre un metodo per verificare se l’intervento personalizzato è realmente adeguato rispetto al benessere della persona, se ci sono margini di miglioramento, se si possono meglio integrare responsabilità e risorse.
Intende inoltre promuovere la ricerca di ulteriori soluzioni, sperimentandole nella pratica quotidiana, per verificare se e in che misura esse rispondono alle attese di una maggiore personalizzazione del lavoro del “prendersi cura” evidenziando gli indici di efficacia.
Il valore primario di questo processo risiede nella volontà aziendale di promuovere, realizzare e diffondere modelli assistenziali realmente utili rispetto alle esigenze dell’utenza, dei loro familiari, dei lavoratori del sociale e dell’intera società.
Si vuole definire un modello assistenziale che permetta di offrire la miglior risposta possibile ai reali bisogni della singola persona, con l’obiettivo di tutelare le dignità e di mantenere l’autonomia.

Elezione del rappresentante degli utenti e dei loro familiari »

anno 2007

1 Giugno 2011

Vengono indette le elezioni per il rinnovo del Rappresentante degli utenti e dei loro familiari nel Consiglio d’Amministrazione dell’ASP ITIS.

Si invitano gli interessati a presentare la propria candidatura presso la Segreteria Generale dell’Azienda entro le ore 12.00 del giorno 16 ottobre 2007.

Le elezioni si terranno presso la Sala biblioteca posta al piano terra della Struttura  di via Pascoli n. 31, nelle seguenti giornate:

  • 19 ottobre, per gli utenti dell’ITIS (residenti  della struttura protetta e frequentatori dei Centri diurni ). Ai fini di facilitare l’esercizio del diritto di voto dei residenti della struttura protetta, per coloro i quali siano impossibilitati a spostarsi, verrà organizzato un seggio mobile nelle singole residenze.
  • 20 ottobre, per i familiari e altri aventi diritto al voto, nel caso di impedimento del residente della struttura protetta.
  • il giorno 18 ottobre, ore 10.30-11.30, e’ previsto un seggio volante presso la comunità di via della valle per i residenti e frequentatori dell’annesso  centro diurno.

(gli orari di apertura del seggio saranno comunicati in seguito)

MEMORABILIA »

1 Giugno 2011

Programma della festa che si terrà nel comprensorio di via Pascoli 31 il 15 settembre 2007:

  •  ORE 10.30 INAUGURAZIONE FESTA
APERTURA MOSTRA-ESPOSITIVA AUTO E MOTO D’EPOCA
APERTURA MOSTRA-MERCATO
MOSTRA FOTOGRAFICA SULLA STORIA DELL’ITIS
 
  • ORE 11.00 TEATRO DIALETTALE CON MARIO COMUZZI (a conclusione saluti e ringraziamenti ufficiali a Laura Comuzzi del servizio civile)
 
  • ORE 14.00 MUSICA CON STEFANO E MAX
 
  • ORE 14.30 ESIBIZIONE DEI “DOG LIFE”
 
  • ORE 15.30 PRESENTAZIONE DEL LIBRO “ELDERLY POETRY” (antologia poetica della terza età e dell’età libera)
 
  • ORE 16.30 ESIBIZIONE DI BALLO (con le piccole ballerine di Larissa)
 
  • ORE 17.00 BALLI FOLCLORISTICI
 
  • ORE 18.30 CONCLUSIONE DELLA MANIFESTAZIONE

Approvato il conto consuntivo 2006 »

1 Giugno 2011

Nella seduta del Consiglio di Amministrazione dd. 18 luglio 2007, con deliberazione n. 39/07 è stato approvato il Conto consuntivo 2006 nelle seguenti risultanze finali:

Entrate

 
   

Entrate effettive

13.734.143,62 €

Movimento capitali

10.677.209,66 €

Partite di giro

8.258.711,71 €

Totale entrate di competenza

32.670.064,99 €

 

 

Fondi di cassa e residui attivi esercizio 2005

17.939.600,79 €

Totale generale dell’Entrata

50.609.665,79 €




Uscite

 
   

Spese effettive

13.751.067,57 €

Movimento capitali

10.677.209,66 €

Partite di giro

8.258.711,71 €

Totale uscite di competenza

32.686.988,94 €

 

 

Residui passivi dell’anno 2005

17.725.965,01 €

Totale generale dell’Uscita

50.412.953,95 €

Avanzo d’amministrazione

196.711,83 €

Trieste, 28 agosto 2007
Il Direttore Generale dr. Fabio Bonetta

“L’anziano risorsa: arti, mestieri e professioni” »

1 Giugno 2011
L’Azienda Pubblica di Servizi alla Persona ITIS, il Comune di Trieste, l’Azienda per i Servizi Sanitari Triestina, il sindacato dei pensionati e le associazioni del terzo settore, riunite nell’ambito del progetto GIOIA (Gruppo di Innovazione operativo per l’integrazione degli Anziani) con la finalità di avvicinarsi al cittadino anziano favorendo la sua autonomia e agevolandone la socializzazione, organizzano per MERCOLEDI’ 1 agosto, nel giardino dell’ASP ITIS in via Pascoli 31, l’iniziativa dal titolo: “L’ANZIANO RISORSA: arti, mestieri e professioni”.
La manifestazione, che vuole evidenziare come l’anziano con le sue esperienze e i suoi vissuti può essere una risorsa inesauribile per le altre generazioni, vedrà il giardino dell’ ITIS riempirsi di stands di artisti, artigiani e professionisti (l’impagliatore di sedie, la sarta, il calzolaio, il decoratore ecc.) il tutto accompagnato da diversi momenti di spettacolo ed intrattenimento con ballerini, attori e musicisti e artisti di tutte le età.
 
Programma:
h 10.00:
- apertura degli STANDS;
- sottofondo musicale con il pianista Plinio Postogna
- Teatro a leggio con il gruppo Habitat di Gretta
- presentazione dell’iniziativa e del progetto TAVOLO CONFERENZA
 
h 11.00:
- spettacolo con i breaker
 
h 11.30:
-aperitivo
 
Intrattenimento con Plinio Postogna
 
h 16.00:
- spettacolo di ballo con il gruppo SMILE Auser Melara
 
h 17.00:
- canzoni triestine con Fulvio Gregoretti dell’Associazione FUMO DI LONDRA
 
Grigliata e gelati
 
Il gruppo dei writer decorerà alcune pareti. Nel comprensorio sarà attivo il centro estivo della Uisp.

Servizio civile volontario »

1 Giugno 2011
Mentre si sta concludendo l’esperienza positiva delle due volontarie del Servizio Civile Nazionale, Laura e Martina che ci hanno accompagnato nelle attività di quest’anno, è uscito il nuovo bando che prevede per l’ASP ITIS almeno altre/i due volontarie/i.
Il servizio civile è anzitutto un’esperienza umana di solidarietà e di servizio alla comunità, secondo i principi contenuti nella Costituzione. Ma, grazie alla possibilità di acquisire conoscenze e competenze pratiche, esso è anche un’occasione di crescita personale e di formazione. Durante i 12 mesi di servizio civile quindi, si ha la possibilità di imparare molto e di misurare le proprie capacità per realizzare qualcosa di utile per sé e per gli altri. Per questo il servizio civile può rappresentare un’utile esperienza da spendere in ambito lavorativo. Accanto all’attività di servizio vero e proprio sono previsti inoltre dei periodi obbligatori di formazione. La legge prevede che vengano determinati i cosiddetti crediti formativi per coloroche prestano il servizio civile e che possono poi essere riconosciuti nell’ambito dell’istruzione o della formazione professionale. Anche le Università possono riconoscere crediti formativi per attività prestate nel corso del servizio civile rilevanti per il curriculum degli studi.
Ai volontari in servizio civile spetta un rimborso di 433,80 euro netti al mese, corrisposti direttamente dall’Ufficio nazionale servizio Civile.
Il periodo di servizio civile è riconosciuto valido, a tutti gli effetti, per l’inquadramento economico e per la determinazione dell’anzianità lavorativa ai fini del trattamento previdenziale del settore pubblico e privato.
I RAGAZZI E LE RAGAZZE DI ETA’ COMPRESA TRA I 18 E I 28 ANNI INTERESSATI ALL’ESPERIENZA dovranno presentare la domanda e la documentazione richiesta entro le ore 14.00 del 12 luglio 2007 presso l’ufficio ARCI SERVIZIO CIVILE TRIESTE IN VIA FABIO SEVERO 31, TELEFONO 040 761683 trieste@arciserviziocivile.it

Percorso di qualificazione dell'ASP ITIS »

1 Giugno 2011

L’ASP ITIS ha iniziato un percorso di affinamento della metodologia del lavoro sotto la guida e la supervisione della Fondazione «Emanuela Zancan».

Il progetto di studio e sperimentazione prevede una qualificazione dell’ITIS nella rete dei soggetti operanti nel sistema regionale e locale dei servizi alla persona attraverso una attenta analisi della valutazione dei bisogni con il conseguente affinamento dei progetti personalizzati e la valutazione della loro efficacia.

Tale progetto prevede diverse fasi che si susseguiranno rispetto un ricco cronoprogramma con l’obiettivo di svilupparsi temporalmente nell’arco di 24 mesi.

La fase attuale del progetto si concretizza in una analisi dello stato di fatto del percorso che un cittadino deve seguire per fruire dei servizi dell’ASP ITIS. Questa fase, che analizza nei minimi particolari l’attuale percorso, permetterà di affinare lo stesso ed individuare eventuali criticità nella prassi dal momento del primo accesso informativo al servizio sociale aziendale, fino alla fase di accoglimento con la stesura del piano assistenziale personalizzato.

Lo studio prevede l’analisi dei percorsi di tutti i servizi offerti dall’ASP ITIS dall’accesso al centro diurno di aggregazione, all’accesso al centro diurno assistito, come l’accoglienza presso il condominio Rusconi ed alle diverse formule di accoglienza residenziale protetta.

Il progetto di studio si prefigge anche l’obiettivo di sperimentare soluzioni e percorsi innovativi nella presa in carico della persona e del suo nucleo familiare.

La Fondazione  «Emanuela Zancan» Onlus è un centro di studio, ricerca e sperimentazione che opera da oltre quarant’anni nell’ambito delle politiche sociali, sanitarie, educative, dei sistemi di welfare e dei servizi alla persona. Svolge le sue attività grazie alla collaborazione di molti studiosi ed esperti italiani e stranieri. Collabora con enti statali, regioni, province, aziende sanitarie, comuni, università, centri di studio italiani e internazionali e con soggetti privati per studi, ricerche, sperimentazioni.

Le iniziative di studio e di ricerca della Fondazione «Emanuela Zancan» si caratterizzano:

  • per il riferimento al territorio e ai servizi alle persone;
  • per l’approccio pluralistico ai problemi, che ha consentito nel tempo analisi rigorose, basate su criteri scientifici, attente alle implicazioni etiche delle soluzioni proposte;
  • per il respiro nazionale e internazionale dei contributi teorici e metodologici oggetto di studio e proposta;
  • per l’approfondimento delle problematiche emergenti nel tessuto sociale;
  • per l’impegno volto a prefigurare nuove soluzioni di solidarietà umana basate sull’incontro tra diritti e doveri sociali.

I valori fondanti sono:

  • la promozione del cambiamento, riconoscendo le «gemme terminali» dello sviluppo sociale, cioè i punti di maggiore sviluppo potenziale, ma anche, proprio per questo, di maggiore fragilità della società nelle sue diverse espressioni;
  • l’impegno prioritario di promozione e tutela della persona;
  • l’integrazione delle culture e dei valori, quale precondizione etica, per interventi e servizi capaci di tener conto delle diverse espressioni dei bisogni personali, familiari e sociali;
  • l’elaborazione di orientamenti teorici, metodologici e di politica sociale idonei a favorire il radicamento della solidarietà, della partecipazione e dell’umanizzazione dei servizi.

La Fondazione Zancan svolge le sue attività grazie alla collaborazione di molti studiosi ed esperti italiani e stranieri. Collabora con enti statali, regioni, province, aziende sanitarie, comuni, università, centri di studio italiani e internazionali e con soggetti privati per studi, ricerche, sperimentazioni.

Giuseppe Benvegnù Pasini è il presidente della Fondazione e Giovanni Nervo il presidente onorario.

I collaboratori interni sono: Tiziano Vecchiato (direttore), Ingrid Berto, Maria Bezze, Cinzia Canali, Cristina Gittoi, Mattea Paganin, Alida Ravazzolo, Lucia Vojtas, Emanuela Zignol. I numerosi collaboratori esterni curano il coordinamento e l’attuazione delle iniziative di studio, ricerca, elaborazione culturale.

Pagina 12 di 14, Vai a pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

«Precedente - Successivo»